Informazioni

Impatto economico

Anche tenendo in considerazione la tendenza alle restrizioni economico-sanitarie in Europa, esistono forti argomenti sociali ed umanitari e perfino economici per favorire una maggiore disponibilità di oppiodi forti per le persone che li necessitano. Molto spesso, il dolore cronico ha un effetto dannoso sulla carriera dei malati, mettendo frequentemente a rischio il loro posto di lavoro. A questo si aggiungono costi addizionali provocati dalla necessità di personale assistente e dall’impatto psicologico del dolore: diventa sempre più inspiegabile perché i Governi neghino a queste persone economicamente più svantaggiate il rimborso del loro trattamento.

La situazione diviene più pressante se consideriamo l’impatto che può avere questo trattamento. I pazienti possono tornare a lavorare, se il dolore viene controllato. In altre parole il paziente adeguatamente trattato può contribuire allo sviluppo economico piuttosto che essere un peso per la società. E il trattamento deve essere corretto. Il dolore cronico è una condizione altamente complessa e personalizzata. Tutte le opzioni terapeutiche dovrebbero essere a disposizione dei medici per incrementare al massimo le loro possibilità di restituire ai pazienti la carriera, la famiglia, la loro vita.